The Masters: la storia

Non molto tempo dopo che Bobby Jones si ritirò verso la fine del 1930, iniziarono le speculazioni su cosa avrebbe fatto dopo. Non passò molto tempo prima che il pubblico lo scoprisse.
Nel luglio 1931, i titoli sui giornali di tutta l’America annunciavano la notizia che Jones stava costruendo un percorso ad Augusta e Alister MacKenzie sarebbe stato l’architetto principale.

Bobby Jones sognava un golf club esclusivo dove poter giocare a golf in un campo impegnativo ma privato.

Clifford Roberts, un amico di Jones, lo aveva aiutato a trovare un vecchio asilo nido che conteneva 365 acri che sembrava adatto a un campo da golf.

Mentre Jones poteva avere chiunque come suo architetto, scelse MacKenzie, non Donald Ross, o uno qualsiasi degli altri importanti architetti della costa orientale.

Sebbene non siano stati annunciati dettagli formali dell’incontro, MacKenzie ha incontrato il comitato dell’Augusta National Golf Club presso il Vanderbilt Hotel di New York il 10 luglio. Probabilmente è lì che gli è stata offerta, e accettata, la possibilità di progettare il percorso da sogno di Bobby Jones. Un paio di giorni dopo quell’incontro, Jones e MacKenzie hanno giocato al campo Bayside a Long Island che l’architetto aveva recentemente progettato.

MacKenzie è arrivato ad Augusta il 14 luglio per una visita di tre giorni. Le immagini nella cronaca di Augusta del giorno successivo mostrano i due che guardano i disegni e camminano per i terreni della futura Augusta National.

MacKenzie tornò nell’ottobre di quell’anno e lui e Bobby Jones iniziarono a seguire il percorso.

Rispetto agli standard odierni, Augusta National è stata costruita con notevole rapidità. MacKenzie arrivò nel marzo 1932 per una visita di due mesi e durante quel periodo modellò i greens. Con il terreno sgombrato e le buche abbozzate, Jones avrebbe colpito i colpi e MacKenzie avrebbe osservato, apportando le modifiche necessarie.

MacKenzie lasciò Augusta per l’Inghilterra nel maggio 1932. Era l’ultima volta che avrebbe visto l’Augusta National.

La semina è stata completata a fine maggio e il campo è stato aperto per il gioco a dicembre. Nel gennaio 1933 si tenne un’apertura formale. Il club, tuttavia, continuò a lottare finanziariamente, e ad un certo punto fu sollevata l’idea di tenere uno US Open sul campo. Ma è stato deciso che tenere aperta il percorso durante i caldi mesi estivi di Augusta, per non parlare della logistica, sarebbe stato impossibile.

Jones e Roberts, però, ebbero un’idea per un torneo su invito. Il primo si tenne nel 1934 e alla fine divenne noto come The Masters.

MacKenzie non ha mai visto l’Augusta National finito. Non ha mai visto gioce il The Masters giocare, né ha avuto modo di sperimentare i riconoscimenti dei suoi giocatori o dei suoi fan.

Morì nel gennaio 1934, nella sua casa di Pasatiempo, due mesi prima del primo Torneo Nazionale ad Inviti di Augusta.

Roberts, che ha co-fondato l’Augusta National con Jones, ha scritto che MacKenzie non ha mai visto il campo completamente ricoperto di erba. MacKenzie lo chiamava spesso il “World Wonder Inland Golf Course”.

Il club ha sofferto per essere un prodotto del suo tempo e luogo: una ricca enclave in un sud americano profondamente segregato. Tradizionalmente, il club non ammetteva membri di colore e notoriamente mantenne una forza caddy tutta nera per la maggior parte della sua storia, riflettendo il pregiudizio dei membri del club. Fu solo nel 1990 che l’Augusta National Golf Club ebbe il suo primo membro afroamericano e poté finalmente mettere a tacere il suo passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...